Ciabatta Bread Inside Spread©. Il Pane con la marmellata già spalmata

foto9

Molti esperti di marketing lo sanno bene: la miglior tecnica di vendita consiste nel creare un bisogno quando non esiste, magari sottolineando una caratteristica assurda o scontata e non precisata di un prodotto per giustificarne l’aumento del prezzo.

Oggi mi sento un po’ l’amministratore delegato della multinazionale di cui Crozza fa parodia…

E mi rivolgo a Voi, Amici che alla mattina non riuscite a carburare senza una dolce colazione!

A Voi, che potete mettervi in moto solo dopo un buon boccone di golosità!

A Voi, che faticate ad aprire le palpebre e vi domandate dove sia finita la coordinazione dei vostri movimenti!

La soluzione, miei cari, c’è!

Ci siamo dedicati alla ricerca, abbiamo sperimentato, scelto e selezionato ingredienti di prima qualità ed oggi possiamo annunciarvi la scoperta che cambierà il vostro modo di vedere la colazione e migliorerà l’inizio della giornata.

Dedicato ai più pigri. Il pane con la marmellata già spalmata.

Sì, penso che otterrò il rilascio di brevetto per invenzione 🙂

foto8
Ciabatta Bread Inside Spread

La mia voglia di impastare non manca mai, avevo un vasetto di composta alle pesche e semi di chia fatta quest’estate (vedi qui) che giaceva in dispensa, un’ottima farina di farro ed un Avvo che aveva esaurito il bensone preparato qualche giorno prima …e visto che per Lui alla mattina non si parte bene senza qualcosa di dolce e preferibilmente con la marmellata -che poi si tratti (ovviamente con marchio Però Sano©) di crostate, torte, biscotti, ciambelle, bensoni, brioche lievitate, dolcetti gluten free o gluten full, poco importa. E’ piuttosto elastico 😉 – ho pensato a questo.

Pane e marmellata.

Ok, ammetto di non essermi spremuta le meningi più di tanto… ma per la campagna pubblicitaria ho giocato con la fantasia e comunque giuro che non ce ne sarebbe stato bisogno: quando l’Avvo quella sera ha varcato la soglia di casa ed ha sentito il profumo del pane appena sfornato ha iniziato prima a guaire e poi ad ululare alla luna.

E ne abbiamo spazzolato via metà senza attendere il mattino seguente.

Insomma, un pane perfetto: soddisfa sia i più pigri dell’alba che i più… stanchi del tramonto… Vi piacerà, ne sono sicura!

foto5
Ciabatta Bread Inside Spread

Ciabatta Bread Inside Spread Però Sano©

Ingredienti:

170g farina di farro

80g farina integrale di farro

7g lievito madre essiccato di farro

1 cucchiaio olio extra vergine di oliva

180g acqua

………………………………………………….

composta di pesche e semi di chia

1 pera sbucciata e grattugiata (o frullata)

…………………………………………

Mescolare velocemente con un cucchiaio gli ingredienti per l’impasto all’interno di una terrina. Coprire con un foglio di pellicola per alimenti e far lievitare in un luogo buio e privo di correnti d’aria per 9 ore circa.

Trascorso questo tempo, impastare aggiungendo altra farina integrale di farro (non troppa, quella indispensabile per avere un impasto non appiccicoso ma molto morbido).

Stendere a forma rettangolare (circa 60cmx40cm) su una spianatoia infarinata, spalmarvi sopra la composta e la pera grattugiata e arrotolare il rettangolare dal lato lungo.

foto1

Chiudere bene i bordi e schiacciare il rotolo premendo le estremità verso l’interno come se fosse un organetto. Cospargere di farina integrale di farro e cuocere in forno caldo a 200° a modalità statica per 50 minuti-1 ora.

Sfornare e far raffreddare su una gratella da pasticceria. Questa ciabatta inside spread© è fantastica sia tiepida che fredda.

foto2

foto4

Note: se la pera non vi piace sostituitela con una mela, sempre sbucciata e grattugiata.

Potete aggiungere al ripieno noci spezzettate, pinoli, uvetta ecc. e sbizzarrirvi a non finire.

Anche le farine possono variare, quindi via libera a mix di multicereali, o grani antichi come Senatore Cappelli. L’importante è che non dolcifichiate l’impasto del pane o perderete l’effetto semplice e rustico cadendo in un pandolce o in una sorta di strudel/bensone (che comunque sarebbe divino…ma un’altra cosa).

Ed ora la domanda è: vi sentite più pigri o più… stanchi? Riuscirete ad aspettare fino a domattina per godervi la non-fatica di spalmare la marmellata? 🙂 Buona colazione – o buon dopo cena- a tutti! :-*

foto7

foto6

Voi come siete abituati a fare colazione? Avete preferenze per il dolce o il salato?

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...